Un nuovo mercato post COVID19?

Se hai letto l’articolo precedente (qui) ci siamo lasciati con una domanda: “come cambierà il mercato dopo aver passato questo brutto momento di crisi pandemica?”

E’ doveroso premettere che, purtroppo, stiamo per vivere una delle crisi economiche tra le peggiori degli ultimi 100 anni. Tralasciando questo “dettaglio”, un altro aspetto che certamente cambierà, saranno le nostre relazioni ed abitudini sia lavorative che personali.

Parlando di retail, sono tante le attività che hanno chiuso in questo periodo, ma non tutte…
Quello che in questa fase ha aiutato è stato l’E-commerce, processo ormai consolidato che ha consentito a molte realtà di far fronte all’assenza di “pubblico”; nel caso dei ristoranti il “delivery”.

photo of motorcycles parked near fast food restaurantsNon possiamo nascondere che, anche con l’E-commerce, il danno è stato devastante ma, per alcuni, più contenuto.
Vi svelo un piccolo segreto personale; a me nonostante sia un millennial, piace fare compere in negozio. Mi piace guardare i prodotti, i colori, toccare con mano, interagire con il negoziante e poi avere quella bella sensazione post acquisto quando esco dal negozio.
La quarantena però, mi ha fatto capire ancora di più quanto sia importante per un negozio essere in grado di fronteggiare su più fronti le esigenze dei clienti. Poter competere per ottenere consensi a livello off line e on line.

Per questo motivo ritorniamo forti ad argomentare quello che è il mondo del web, i concetti di SEO, di pubblicità a pagamento e molto altro.

In sintesi possiamo chiederci: “post crisi, quanto risulta importante per un negozio organizzarsi per essere competitivi anche on-line” e poi “quanto è possibile farlo contro altri colossi dell’E-Commerce?”

Nel prossimo articolo cercheremo di entrare nel dettaglio di supporto web per i negozi
Ti è piaciuto l’articolo? Vuoi aggiungere qualcosa? Scrivici o commenta sotto!

Ryanair e il sedile mancante

La situazione attuale, italiana e non, dovuta al Coronavirus è ormai nota.
Ryanair, come tanti operatori del settore, è in una fase di totale fermo.
Gli aerei sono a terra e quasi tutte le attività sono in stand by, ma, il vero dilemma può arrivare con la riapertura.

Il CEO Michael O’Leary, ha dichiarato che, tempo Settembre, la produttività potrebbe person holding smartphone riding airplanetornare a circa l’80%. Notizia molto positiva, se non fosse che, le normative legate al social distancing a bordo (che prevede la rimozione dei sedili di mezzo) non siano di gradimento ad O’Leary che minaccia il non rientro in attività.

Presa di posizione molto forte da parte del management in una fase sicuramente delicata.

La domanda quindi: “Come cambierà l’operatività di una azienda in virtù delle normative?”

Nel prossimo articolo proveremo a dare risposte riguardo a come il mondo on-line sia sempre stato in una fase di forte sviluppo, ma ora come non mai, debba diventare obbligatorio per la sopravvivenza di una azienda (soprattutto se retail)

Vuoi darci la tua risposta? scrivici o commenta!